Hope Custom Lab |
17079
home,page,page-id-17079,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_leftright,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.3.1,vc_responsive
testatalow
DGHJF

Latest posts

Check check check, does it rock? ... See MoreSee Less

3 weeks ago  ·  

View on Facebook

Ciao! E' un po' che non scriviamo; la verità è che siamo molto, ma molto, presi dallo sviluppare alcune novità....tipo:
Il #SonicMirror ,che sarebbe il nostro primo ampli valvolare. Che ne dite? E' un monocanale, è 50w (2xel34) e NO, non è un clone (!!).
Nel mentre che finiamo il pannello frontale, sarebbe carino se passaste a provarlo qui in laboratorio.

Vi aspettiamo.

brrraaam
... See MoreSee Less

2 months ago  ·  

View on Facebook

La "sudatissima" Sonic Rocket di Alessio, con leva jazzmaster e un inedito ponte roller schaller.
Turchese, turchese ovunque!
... See MoreSee Less

6 months ago  ·  

View on Facebook

Sonic Drop in vendita / up for sale
Era da un po' che stavi adocchiando il Sonic Drop? Questa è l'occasione giusta!
Se sei interessato, scrivimi in privato.

Un po' di specifiche:
- Costruzione neck thru con manico laminato acero/mogano/acero. "Ali" laterali del body in frassino.
- Inserti di carbonio nel manico
- Tastiera in palissandro con segnatasti in policarbonato.
- Peso complessivo 3,4 kg.
- Ponte progettato e realizzato su misura in acciaio con trattamento superficiale.
- Sellette, capotasto e abbassacorde realizzati a mano in ottone.
- Pickup a 8 poli, 9k circa, progettato e realizzato ad hoc per il Sonic Drop.
- Battipenna retro-verniciato in plexiglass con incisioni a controllo numerico.
- Meccaniche Schaller low-weight in carbonio.
- Tono e volume alpha da 500k, orange drop 0.22uF
... See MoreSee Less

6 months ago  ·  

View on Facebook

Questo è il nuovo #sonicdrop di Marco Filippi dei Karl Marx was a broker, una macchina da distorto. ... See MoreSee Less

6 months ago  ·  

View on Facebook

Almost done! #sonicrocket #hopecustomlab #guitarporn #onthebench ... See MoreSee Less

6 months ago  ·  

View on Facebook

Con un ritardo al limite dell'inverosimile mi appresto a consegnare una serie di strumenti che avevo qui da un po', nella speranza che il risultato finale abbia ripagato l'attesa.

In foto una Sonic Rocket verniciata tru-oil, pickup homemade S90 e tanta voglia di fare il rock.
... See MoreSee Less

6 months ago  ·  

View on Facebook

Qualche anno fa introdussi la "classic series": una serie maggiormente economica rispetto alle casse standard che produco, realizzata tenendo bene a mente l'estetica ma con soluzioni costruttive più semplici che permettevano di tenere sotto controllo il prezzo.

A voi piace però spendere tanti soldi e non avendone vendute molte ho smesso di produrle. L'estetica di questa cassa però non è passata inosservata e talvolta capita di replicarla con le solite tecniche costruttive che adotto normalmente. In foto un esemplare con 2 eminence GB.
... See MoreSee Less

7 months ago  ·  

View on Facebook

Nel rendere credibile una cover band oltre al lato esecutivo è necessario lavorare anche sull'immagine, replicandone oltre che i "costumi" anche la strumentazione.
Non è sempre cosi semplice però, sopratutto quando per replicare i primi Beatles e la loro strumentazione dovresti accaparrarti una Vox ac100, ampli molto raro e tra i più costosi che esistano.

Mi è stato quindi chiesto di replicare l'estetica in toto di questo amplificatore, provvedendo a rendere la griglia apribile come se fosse uno sportello.. All'interno del box sarà nascosta la reale testata, una......markbass!

Si perde un po' di magia, ma funziona. E il conto in banca è salvo.
Ho realizzato anche la copia della 2x15" che veniva venduta in coordinato ma mi sono scordato di fare una foto, sarà per la prossima.
... See MoreSee Less

7 months ago  ·  

View on Facebook
babu

Guitar &
Bass Cabinets

11096442_970910666262262_3912997596587207205_o

Il Cabinet è l’ultimo punto della catena di amplificazione, e come tale, molti lo pongono per ultimo anche come importanza. Nel preferire l’acquisto di strumenti, effetti e amplificatori, spesso ci si riduce a un cabinet di dubbia fattura o non congruo al suono che si vuole ottenere.

Tutto ciò che suonate passa e viene tramutato in suono proprio dalle casse, abbiate cura di sceglierne una di qualità che possa rispecchiare timbricamente i vostri gusti. Una buona cassa fa la differenza, facendovi finalmente sentire tutte le sfumature che prima non avvertivate, con una potenza e una propagazione che può trasformare in un gran suono anche uno mediocre. Non lasciatevi limitare da essa.

Serie Standard

La serie Standard include i modelli di casse nei formati più ricorrenti, realizzati con misure e accorgimenti costruttivi  che nel tempo si sono rivelati di maggiore gradimento. Accomunando anni di ricerca, sono la sintesi di ciò che viene realizzato in laboratorio.

Tutti i cabinet Hope Lab sono realizzati a mano uno ad uno in Italia con i migliori componenti reperibili sul mercato. Ogni processo costruttivo è realizzato direttamente in laboratorio senza l’ausilio di terzi: questo ci permette di avere totale controllo sul prodotto finale nelle sue fasi di realizzazione.

In ogni nostra cassa utilizziamo multistrato di betulla da 15mm, spessore che garantisce un’estrema rigidità al sistema, con un peso inferiore alla norma (molti produttori utilizzano il 18mm), permettendo alla cassa di risuonare maggiormente e di contribuire in maniera più incisiva sul suono finale.

L’assemblaggio delle pareti è affidato a giunti a coda di rondine, il sistema più robusto su cui si possa contare. Inoltre la maggiore superficie di contatto derivata da questo tipo di incastro aumenta la trasmissione di frequenze da un pannello all’altro, valorizzando l’apporto sonoro del legno al sistema. Le code di rondine e l’impiego di particolari colle permettono di ottenere senza alcun ausilio di viti o rinforzi interni un sistema solido e perfettamente risuonante, privo di vibrazioni spurie.

Tutti i cabinet inoltre, sono provvisti di maniglie laterali e vaschetta di collegamento incassati in acciaio verniciato nero e su richiesta anche di angolari metallici. Su tutta la linea da chitarra è possibile personalizzare il pannello posteriore, scegliendo tra numerose opzioni tra le quali: closed back, apribile 3/4, foro ovale.
I cabinet da basso sono per lo più closed back e a seconda del progetto con bass reflex cilindrici.

La produzione standard si suddivide principalmente in due tipologie di casse, con altoparlanti montati sul lato frontale della baffle-board (front loaded) e con altoparlanti montati sul lato posteriore (rear loaded), a seconda del tipo di costruzione adottato il suono varia sensibilmente.

N.B: I cabinet da basso sono disponibili solo in versione front loaded e preferibilmente senza griglia frontale. 

 

closed

REAR LOADED-

I cabinet rear loaded sono realizzati attraverso i medesimi processi costruttivi adottati dai marchi più blasonati. Le pareti sono assemblate mediante incastri a code di rondine e la griglia frontale è direttamente applicata sulla baffle board la quale, a sua volta, è avvitata sui bordi di rinforzo frontali della cassa.

Gli altoparlanti sono successivamente montati sulla parete interna della baffle board. Questo tipo di costruzione riduce la colorazione del suono apportata dal legno, restituendo sonorità bilanciate con una leggera enfasi sulle frequenze medie, che si traduce in una definizione e una capacità di uscire dal mix fuori dal comune.

FRONT LOADED-

I cabinet front loaded sono realizzati mediante un processo costruttivo che permette di ottenere una trasmissione di frequenze tra la pareti e la baffle molto simile a quella che si avrebbe usando un unico blocco di legno.

La baffle board viene inserita a pressione e incollata al corpo della cassa permettendo una perfetta continuità tra le tavole. Tutto questo si traduce in un calore, una corposità, una quantità di armoniche e un “botta” difficilmente riscontrabile in qualsiasi altra cassa.

Rispetto alle sorelle rear loaded si una maggiore propensione agli estremi di banda, con basse più profonde e presenti e alte più articolate. Il suono all’orecchio risulta come se provenisse da una cassa di dimensioni doppie.

La griglia frontale è rimuovibile, i coni sono avvivati da davanti rispetto alla baffle board. Quest’ultima può essere verniciata di qualsiasi colore in tinta unita o con mordenti lasciando le venature a vista.

La preoccupazione nell’acquisto di una 1×12″ è sempre la stessa: cassa piccola, suono piccolo. Abbiamo lavorato molto per cercare di garantire una resa in frequenze paragonabile a quella delle sorelle maggiori.
E’ venuta fuori una cassa trasportabilissima, versatile e molto bilanciata.
Non si avvertono le classiche medie inscatolate di queste casse e le basse sono presenti e corpose.
Vivamente consigliato il posteriore con foro ovale, che conferisce spazialità e una maggiore profondità al suono.

DIMENSIONI

55 x 50(h) x 30

PESO

9kg circa senza altoparlante

Le 2×12″, unendo trasportabilità e potenza, sono il formato più diffuso di casse.
Come standard proponiamo 3 modelli che, date le dimensioni diverse, riescono a coprire praticamente ogni tipo di esigenza.
La 76 x 48(h) x 36,5 è maggiormente consigliata per sonorità moderne o dove è richiesto un massiccio low end. Le alte sono lievemente più vellutate rispetto agli altri progetti, data anche la posizione più bassa degli altoparlanti.
La 66 x 60 x 30 è una sorta di 4×12 in miniatura: i coni sfalsati in diagonale e le sue dimensioni più quadrate tendono a restituire un suono più bilanciato.  Le basse risultano incisive e meno profonde.

La 55 x 76(h) x 30 è molto simile alla 76 x 48(h) x 36,5 ma è sviluppata in verticale. La larghezza è stata aumentata di qualche centimetro per permettere un migliore appoggio della testata e recuperare un po’ di rifrazione di basse sul terreno.
Di base consigliamo l’apertura a 1/3 posteriore su tutti e 3 i progetti, è comunque possibile farle closed back a seconda della vostra preferenza.

DIMENSIONI

66 x 60(h) x 30

76 x 48(h) x 36,5

55 x 76(h) x 30 (verticale)

PESO

16kg circa senza altoparlante

Se non si hanno particolari problemi di peso o ingombro, le 4×12″ sono sicuramente le casse più complete a livello di propagazione e potenza.
Come standard proponiamo una cassa dalle dimensioni piuttosto classiche e una oversized, entrambe arricchite dai nostri metodi di costruzione e legni per un suono senza compromessi.

DIMENSIONI

76 x 76(h) x 36,5

76 x 93(h) x 36,5

PESO

24kg circa senza altoparlante

Per le casse da basso con coni da 10″ seguiamo la filosofia di casa Ampeg e affini: casse chiuse senza reflex con coni a compressione.
Gli altoparlanti che utilizziamo su tutta la linea sono gli Eminence bp102, ad eccezione della 8×10″ che monta Eminence b810.
Il suono è quello che ci si aspetta da questo tipo di progetti: il classico suono rock che sentiamo da anni nei dischi, tondo e con un gran punch sulle medio-basse, arricchito dalla qualità costruttiva delle nostre casse.
Non hanno basse particolarmente profonde o alte articolate ma un focus sulle medie che permette di uscire sempre dal mix con un suono compatto e potente.

Sono disponibili anche in versione “light” con coni Eminence Basslite al neodimio, per un suono ispirato al passato ma con un taglio più moderno e lievemente più scavato.

DETTAGLI

2×10″ – 66 x 40(h) x 36,5 – 400w

4×10″ – 66 x 60(h) x 36,5 – 800w

6×10″ – 66 x 90(h) x 36,5 – 1200w

8×10″ – 66 x 120(h) x 36,5 – 1200w

Le casse da basso con coni da 12″ sono il nostro punto forte, la 2×12″ in particolare è stata la cassa più venduta del 2015.
Grazie alla combinazione di due coni diversi, Eminence Delta 12 e Delta 12LF (ad eccezione della 1×12 che monta solo il Delta 12LF), la cassa acquisisce un’estensione in frequenza e una versatilità incredibile. Il Delta 12LF caricato a reflex riesce a arrivare in territori da cono da 15″, con le sue basse profonde ma sempre controllate supporta perfettamente il Delta 12 e il suo animo brillante. Quest’ultimo non fa rimpiangere la mancanza del tweeter, anzi, regala un attacco e una presenza sulla corda fantastica, il tutto senza le alte un po’ fittizie e i problemi in distorsione che i tweeter tendono ad avere.
La cassa si contraddistingue per il suo suono veloce, aggressivo e percussivo ma, grazie alla sua estensione di frequenza, risulta molto fedele alla testata che le viene attaccata sopra, adattandosi a ogni stile sonoro. Consigliata con i distorti.
Provare per credere.

DETTAGLI

1×12″ – 45 x 40(h) x 36,5 – 400w

2×12″ – 61 x 71(h) x 36,5 – 800w

4×12″ – 71 x 119(h) x 36,5 – 1600w

Disponibili con diversi altoparlanti, le casse da 15″ promettono sempre la stessa cosa: basse sostenute, profonde e potenti.

Con l’Eminence Kappa 15 si ottiene sì una cassa dalle basse potenti, ma bilanciata su tutte le frequenze, risultando quindi ottima per un utilizzo “stand-alone”. Il picco sulle alte riesce a tirare fuori un’ottima punta al basso evitando suoni troppo impastati e lenti, il tutto con il movimento di aria classico di un 15″.

Con l’Eminence Delta 15lf si ottiene una cassa maggiormente improntata sulla riproduzione delle basse e incentrata sulla profondità di quest’ultime. Preferibile l’uso in connubio ad altre casse come sostegno.

E’ possibile utilizzare anche coni al neodimio Eminence Basslite, dal peso ridotto e un suono più moderno e veloce.

DIMENSIONI

1×15″ – 61 x 71(h) x 36,5
2×15″ – 71 x 119(h) x 36,5

Dopo numerose prove gli altoparlanti Eminence si sono rivelati la scelta migliore in relazione al tipo di sound che volevamo ottenere. Il loro suono bilanciato unito al favoloso rapporto qualità / prezzo rendono la Eminence uno dei marchi più apprezzati dagli utenti di tutto il mondo.

Dopo i primi ordini iniziali che comprendevano buona parte degli altoparlanti del listino Eminence, gli utenti stessi hanno selezionato per noi nel tempo quelli che sarebbero diventati gli altoparlanti standard per i nostri cabinet. E’ comunque possibile, su richiesta, montare qualsiasi altoparlante in commercio.

Di tutti gli altoparlanti, quelli che hanno ricevuto il maggior numero di feedback positivi sono i seguenti:

Altoparlanti

Chitarra & Basso

Headbox

& Custom works

Sia che si tratti di una semplice customizzazione estetica o che abbiate l’esigenza di un cabinet fuori dal comune, il custom shop è a vostra completa disposizione per qualsiasi tipologia di lavoro o richiesta.
Qualora le dimensioni standard dei nostri cabinet non facciano al caso vostro è possibile utilizzare progetti di casse di altre marche, anche non più in commercio, o realizzare da zero un nuovo modello per avvicinarsi il più possibile aciò che avete in mente. Tutto questo partendo da un minuzioso studio del vostro setup e della tipologia di suono che volete ottenere. Realizziamo inoltre head-cabinet su misura per agevolare il passaggio da combo a testata (e viceversa) o semplicemente per dare una nuova estetica al vostro amplificatore. E’ possibile anche restaure vecchi cabinet sostituendo il tolex, la griglia o qualsiasi parte si sia usurata o rotta nel tempo.

Sonic
Rocket

Un sguardo indietro nel futuro.

sonic

La Sonic Rocket è una chitarra veloce, precisa e incisiva. Sintesi di diversi mondi, ne ripropone in armonia gli elementi essenziali, sonori e strutturali, mantenendo il suo forte carattere.
Alla prima prova risulta solida e compatta; il body, in frassino europeo, fa sentire subito il suo peso, poco inferiore a una Les Paul, bilanciando perfettamente il manico.
Le sue forme, con lievi smussature laterali e posteriori, rendono la chitarra comoda sia in piedi che a sedere, seguendo esattamente il corpo.
L’attacco del manico spostato in avanti permette un agevole accesso agli ultimi tasti; unito alla scala lunga, esso risulta comodo e slanciato.
Alla vista, il profilo generoso del manico inganna per le sue dimensioni: anche le più piccole mani, fin dalle prime note, scorrono benissimo senza limitazioni o affaticamento. E’ uno di quei manici importanti che tanto incidono sul suono finale, a metà tra la ”mazza da baseball” e un classico manico Gibson. La tastiera in ebano è la più scorrevole che si possa desiderare.

Già da spenta, la Sonic Rocket suona tanto: il body, sottile e rigido, vibra addosso e si sente fino alla paletta.
Il suono si sente già, bilanciato e con tante armoniche, grosso ma con tanta corda. Risponde subito agli arpeggi  sprigionando tanti overtones che ti avvolgono, per poi tornare subito secca e precisa su riff più veloci e percussivi.
La scala lunga si avverte subito: più armonia e tanto attacco. Si sente immediatamente anche il manico incollato che smussa un po’ il twang, non facendoti capire bene che strumento stai suonando. Con il suo mogano ti fa subito venire voglia di distorsione.
La chitarra è stata pensata originariamente per dei p90, quei magici pick-up non troppo gettonati che tanto possono dare ancora. A livello sonoro e come filosofia si sposano benissimo.
Si comporta perfettamente anche con i single coil e gli humbucker, di cui ne prende tutte le caratteristiche mantenendo però la sua timbrica personale.

Sonic Rocket, la nuova solid body marchiata Hope Lab.

giallo/rumore

Amici

Battles // Il Teatro degli Orrori // One Dimensional Man // Zen Circus // Zeus! // Soviet Soviet // Valerian Swing // Marnero // Morkobot // Go!Zilla // Incoming Celebral Overdrive // Hate & Merda // Francesco Diodati // Xabier Iriondo // Fantastic Bra // Stoner Kebab // Bleed Someone Dry // Plasma Expander // Kubark //  Zambra // Nudist // Idlegod // Iceberg // Topsy The Great // La Monarchia // The Unsense // Gum // Kaleidoscopic // Lleroy // The Death of Anna Karina // Karl Marx was a Broker // Kenny muore sempre //  Majakovich // Nausea // Bad Apple Sons // Parsec // Repel Ghost // Venus in Furs // Noisefull Silence // Worstenemy // 15 Minutes of Shame // Mekkanix // The Heatlers // Buioingola // Laika Vendetta // Dora Maar // Le braghe Corte // Ozena // Flying Disk //  Dollaro d’onore // Exence // Frozen Tears // Atticus 3000 // Digitale purpurea // Tossic // Mum Drinks Milk Again // La Nevicata Dell’85 // ChaosConspiracy // Personal Name // Symbiotic // Fry Days // Hombre Lobo // CRTVTR // Tomato Bluefish // KinetiK // Gottesmorder // Macerie // Diari della fine // Damiano Grazzini & Interno 17 // John, the Void //

dfg

F.a.q

– Come posso fare per ordinare?
– Basta semplicemente mandare una email a info@hopelab.it specificando i dettagli della vostra richiesta. Se preferite parlarne telefonicamente potete chiamare il 328 1018668.

– Quali sono le tempistiche?
– Normalmente per realizzare una cassa acustica o una headbox ci vuole circa un mese, i tempi possono variare in base alla quantità di ordini prima del vostro.
Per quanto riguarda la Sonic Rocket, scriveteci per conoscere le tempistiche.

– E’ possibile venire a provare i prodotti direttamente in laboratorio?
– Senza nessun problema, basta fissare un appuntamento.

– Come funziona per il pagamento?
– Per fissare un ordine basta un acconto del 50% dell’importo finale, il restante avverrà alla consegna. Come modalità di pagamento accettiamo tutti i più comuni metodi.

– Spedite o devo venire a ritirare di persona?
– Spediamo abitualmente con corriere espresso con costi variabili tra i 20 e i 50 euro a seconda del peso. E’ ovviamente possibile anche il ritiro di persona.

– Ho già degli altoparlanti, vendete anche la sola cassa senza?
– Certamente, possiamo anche montarveli senza problemi e costi aggiuntivi.

– Devo trasformare un combo in testata, è necessario che ve lo spedisca?
– Non necessariamente ma è altamente consigliato per una maggiore precisione nella lavorazione. Qualora fosse un problema, potete inviarci un disegno con tutte le misure dello chassis.

HOPE CUSTOM LAB  //  ITALY – Prato (PO) 59100 – Via Bologna 461 a1   //  info@hopelab.it  //  328 1018668